Ho iniziato questo percorso nella ricerca dell'assoluto, della sospesione dalla realtà apparente.
Sono sempre più convinto che l'acqua sia il mezzo di comprensione, di accesso a quel sapere ancestrale, semplice e allo stesso tempo indecifrabile. Ho sentito la necessità in questo viaggio di confrontarmi con la Scienza e con altre discipline che potessero arricchire, validare le mie intuizioni, ma soprattutto creare un substrato per il coinvolgimento a più ampio raggio sulle emergenze del Pianeta.
Giuseppe La Spada

sublimis-con-sottotitolo

È ancora possibile salvarsi?



Impegnato in prima persona in un percorso di approfondimento artistico riguardo al tema dell’acqua, Giuseppe La Spada propone un’esperienza sinestetica e multimediale frutto di una ricerca che parte dall’eccessivo e sconsiderato utilizzo che l’Uomo contemporaneo fa delle risorse del pianeta.
Sublimis, che comunemente in latino viene riferito all’eccelso, in questo caso utilizza la scomposizione tra i termini “sub” e “limo”, letteralmente “sotto il fango”, per porre in evidenza lo stato di bruttezza che sta sedimentando per mano umana sulla natura e sulla bellezza geologica.
Il progetto è stato realizzato con il contributo e la collaborazione di artisti, scienziati e intellettuali. Affinché si possa ripartire dalla conoscenza dell’elemento Acqua, della sua esauribilità, delle contaminazioni alla quale è sottoposta, La Spada propone un percorso volto all'assunzione di coscienza politica e civile di quello che è il maggior problema per la sorte dell’Uomo e del Pianeta.

OPERE IN MOSTRA

``Vedo nel lavoro di Giuseppe l'energia, il dinamismo e la fragilità della vita contrastata dal desolato, crudele silenzio dello spazio che ci circonda. L'universo che ci ha creati ci è anche estremamente ostile. La vita è emersa da forze mortali: acque profonde e rocce fuse``
Sean McMahon
Astrobiologist, Department of Geology and Geophysics, Yale University.
Col supporto speciale di RYUICHI SAKAMOTO,
con la partecipazione di: CALEMBOUR, CATODO, CHRISTIAN FENNESZ, GIUSEPPE CORDARO E CORRADO NUCCINI, BEN FROST, GABRIELE GIGLIO, TAYLOR HAYWARD, LISA MASIA (LILIES ON MARS).

Patronage


Organizzato dall’associazione Recodewater, in collaborazione con Ethicando Association di Milano, il Patrocinio della Triennale di Milano, dell’Associazione Italiana della Fondation Prince Albert II de Monaco onlus e della Associazione Culturale Giappone in Italia, il sostegno e l’ospitalità di Tim4Expo. Partner tecnici: Lem International, B-Happy, Paper & People.

Per maggiori approfondimenti

manda una mail al nostro ufficio stampa
Triennale - Via Alemagna 6 - Milano
dal 19 al 28 Ottobre 2015 orari: dalle 10.00 alle 19:00

inserisci il nome

per cortesia inserisci un indirizzo email valido

il corpo del messaggio è vuoto